Corte penale internazionale

La storia della Corte penale internazionale risale alla fine della prima guerra mondiale quando in Trattato di pace di Versailles È stato fatto un tentativo di promuovere la creazione di un tribunale penale per processare il Kaiser Guglielmo II di Germania, che non è stato soddisfatto. Successivamente, dopo la seconda guerra mondiale, le potenze vittoriose decisero di istituire un tribunale penale internazionale per processare i responsabili dell'olocausto nel noto Tribunale militare internazionale di Norimberga, proprio come il Tribunale militare internazionale per l'Estremo Oriente perseguire e perseguire i responsabili di crimini di guerra in Giappone.

Entrambi i tribunali avevano la caratteristica di essere provvisori. Negli anni '1990, il Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia e il Tribunale penale internazionale per il RuandaTuttavia, entrambi erano anche ad-hoc, motivo per cui nella comunità internazionale nasce la necessità che esista un Tribunale penale permanente per perseguire crimini internazionali ben definiti, quindi alla Conferenza diplomatica dei plenipotenziari delle Nazioni Unite tenutasi a Roma in Nel 1998 è stata approvata la Corte penale internazionale, la prima corte permanente per perseguire i crimini internazionali stabilita nello stesso Trattato costitutivo noto come Statuto di Roma.

Tra le motivazioni da evidenziare dello Statuto di Roma ci sono:

“Ricordando che è dovere di ogni Stato esercitare la propria giurisdizione penale contro i responsabili di crimini internazionali,

Riaffermando gli scopi ei principi della Carta delle Nazioni Unite e, in particolare, che gli Stati si asterranno dal ricorrere alla minaccia o all'uso della forza contro l'integrità territoriale o l'indipendenza politica di qualsiasi Stato o in qualsiasi altro modo incompatibile ai fini delle Nazioni Unite,

Sottolineando, in questo contesto, che nulla nel presente Statuto deve essere inteso per autorizzare uno Stato Parte a intervenire in una situazione di conflitto armato o negli affari interni di un altro Stato,

Determinata, ai fini del raggiungimento di questi fini e nell'interesse delle generazioni presenti e future, di istituire una Corte penale internazionale di carattere permanente, indipendente e collegata al sistema delle Nazioni Unite che abbia giurisdizione sui crimini più gravi di significato per la comunità internazionale nel suo insieme,

Sottolineando che la Corte penale internazionale ha istituito in virtù di questo Statuto
sarà complementare alle giurisdizioni penali nazionali »

Allo stesso modo, l'articolo 1 dello statuto prevede quanto segue:

Viene istituita una "Corte penale internazionale" ("la Corte"). La Corte sarà un'istituzione permanente, avrà il potere di esercitare la sua giurisdizione sulle persone rispetto ai crimini più gravi di importanza internazionale in conformità con il presente Statuto e avrà un carattere complementare alle giurisdizioni penali nazionali. La giurisdizione e il funzionamento della Corte sono disciplinati dalle disposizioni del presente Statuto. "

Recursos

AfrikaansArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFilipinoFrenchGermanHebrewHindiItalianJapaneseKoreanPortugueseRussianSpanish